Porte blindate con impronte digitali

Porte blindate con impronte digitali

Un dito. Non serve altro per aprire le nuove porte blindate con lettore biometrico impronte digitali.

Tecnologia, innovazione e algoritmi al servizio della sicurezza; questo è uno dei temi maggiormente toccati nelle ultime fiere dedicate al mondo del mobile.

Quando si parla di serrature digitali si entra nel futuro, nel mondo delle smart home.

Le serrature digitali permettono l’accesso alla propria abitazione o in una particolare stanza, solo con l’ausilio di un dito.

Con le serrature a impronte digitali non solo diciamo addio agli ingombranti mazzi di chiavi, ma diamo il benvenuto ad un ulteriore garanzia di protezione dalle intrusioni in casa o nei luoghi di lavoro.

Con il lettore di impronte digitali basta semplicemente passare un dito sulla striscia di lettura e la porta si apre. Si possono registrare diverse impronte digitali (appartenenti ai vari componenti della famiglia, collaboratori ecc…), ma è anche possibile cancellarne alcune per vietarne successivamente l’ingresso.

 

Grazie ad un sensore, queste apparecchiature riescono a riconoscere un numero elevato di impronte, impedendo l’attivazione della serratura da parte di quelle non autorizzate.

Le porte blindate con impronte digitali fanno parte della categoria “serrature intelligenti” che utilizzano un controllo agli accessi c.d. biometrico. La biometria è la scienza che si occupa dell’applicazione di metodi matematico-statistici, per rilevare tratti peculiari fisici e comportamentali degli esseri viventi; nel caso delle serrature possono essere le impronte digitali o addirittura, la scansione facciale o quella dell’iride.

Il lettore di impronte digitali è progettato soprattutto per difendersi non solo dai “comuni ladri”, ma soprattutto dagli scassinatori professionisti quelli che non si fermano (quasi) dinanzi a nulla, in grado di aggirare ogni tipologia di sistema d’allarme.

lettore impronte porte motoriazzate

 

Un sistema di sicurezza impossibile da clonare (succede solo nei film).

Il lettore biometrico impronte digitali di Magnum Porte Blindate è progettato ad incasso. Sia il lettore che il pannello di controllo si possono integrare a qualsiasi tipo di porta.

Il frontale del lettore può essere scelto in diverse combinazioni di colori grazie alle svariate coperture ed è adattabile a muro, ma anche incassato sull’anta.

A caratterizzarli è un design davvero minimal. La batteria è protetta dalle intemperie e mediante il sistema di risparmio batteria, il consumo energetico resta illimitato.

Al momento della registrazione l’impronta viene codificata ed associata ad un contatto elettrico. Strisciando il dito questo codice viene controllato e se coincide con quello memorizzato, la porta si apre attraverso un impulso elettrico.

Ad ogni strisciata viene rilevata la temperatura termica e i punti chiave delle impronte c.d. Minuzie, che vengono trasformate in una chiave biometrica criptata.

Fino a 2000 impronte in memoria.

Comments are closed.